Company Logo

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand


ACCESSO UTENTI

LITURGIA di OGGI

Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Tweet dal MOZAMBICO - Epifanio Coppi

APPUNTI DAL MOZAMBICO

30 gennaio 2015

You need to upgrade your Flash Player

Joomla Slideshow




Buongiorno a tutti i miei amici. Dopo un lunghissimo viaggio che ci ha portati da Milano a Dhoa, in Quatar e, da lì in Sud Africa e in fine a Maputo in Mozambico. Da Maputo a Quelimane. Ora siamo qui.
Io e il mio amico Claudio Abram, abbiamo già avuto un primo incontro con i ragazzi della Casa Famiglia e il gruppo organizzativo della cooperativa di promozione umana. Domani sabato andremo a Morrumbala per verificare lo stato della costruenda scuola agraria. Dopodiché nei prossimi giorni prepareremo il viaggio a Chinde. Abbiamo trovato la solita povertà e riscontrato le solite esigenze dei ragazzi ospiti della casa famiglia. Nei prossimi giorni, se potrò, manderò i soliti miei piccoli reportages.
Un abbraccio a tutti.

31 gennaio
Ciao, abbiamo vissuto, Claudio e io, due giorni in Quelimane per prendere contatto con la realtà con cui dobbiamo collaborare. Dopo aver partecipato alle riunioni organizzative, questa mattina, ore 5.00, siamo pronti per partire con fra Antonio Triggiante alla volta di Morrumbala. Adesso, dopo una giornata ad alterni scrosci di pioggia, siamo nelle nostre rispettive camere pronti per dormire. Stamattina, lungo i 200km che ci hanno portato a Boroma, a 10km da Morrumbala, abbiamo comprato due galline e un gallo. Una delle due è stata, cucinata in umido, insieme ad abbondante riso bollito: il nostro pranzo. Abbiamo collaborato con due ragazzi di casa famiglia, ad imbiancare due nuove aule per l'inizio dell'anno scolastico. La notte la passeremo nella casa dei missionari cappuccini. Domani saremo a messa in uno sperduto villaggio a 20km da qui. Buon fine settimana.

1 febbraio
Ciao, stamattina come da programma, alle otto, ci siamo avviati con padre Bráz verso l'interno del territorio di Morrumbala. Per circa 20km, per una strada molto rovinata dalle forti piogge, fiancheggiata da grandi estensioni di mais, ci siamo interrati una sola volta per fortuna, siamo arrivati nel villaggio di Sabe. C'erano tante persone, venute anche da parecchio lontano in attesa per la messa. Tanti ì bambini! Siamo riusciti a trovare delle caramelle e dei lecca–lecca, li abbiamo distribuiti, ottenendone in cambio, sorrisi e abbracci di bimbi felici. Durante la messa padre Bráz ha battezzato 12 neonati. A fine messa, in una capanna il pranzo: gallina, riso, polenta con una coca cola. Adesso sono da poco passate le 15h e siamo nelle nostre rispettive stanze a riposare.

5 febbraio
Buongiorno. Ieri abbiamo lasciato Morrumbala per fare ritorno a Quelimane. Pronti di buon mattino, stava piovendo ma, dopo un poco è cessato. Caricato sul cassone tre capre, una coppia che ha chiesto un passaggio, alle 9h circa siamo partiti. Per 40 km la strada era molto sconnessa ma non ci siamo interrati. Per strada abbiamo caricato una giovane mamma con due bambini di cui uno attaccato al seno. Un sacco pieno di granturco a seguito... Sulla strada nazionale, un pullman completamente bruciato ci ha fatto pensare al peggio ma, grazie a Dio, abbiamo appreso della incolumità dei passeggeri. Il viaggio è durato circa 5 ore ma, alla fine una pastasciutta ha ristorato pienamente Claudio e me. Un sonno tranquillo e rilassante ha fatto seguito a una fresca e tonificante doccia. Stamattina andremo a cercare di incontrare il vescovo don Hilario per accordarci sulla nostra visita a Chinde. Ciao a tutti.

13 febbraio
Ciao a tutti, purtroppo causa piogge e mal funzionamento internet, principalmente della compagnia m-cel, dal 5 febbraio, non sono riuscito a dare notizie nostre. Io ho continuato a collaborare con il "grande" fra Antonio alla soluzione di piccoli problemi. Claudio ha continuato a prendere contatti con i ragazzi di Casa Famiglia, a stare con loro e ha aiutato concretamente ad attrezzare i ragazzi con quanto indispensabile all'inizio dell'anno scolastico.

Sta impegnando molto del suo tempo in compagnia dei bambini dell'asilo che abbiamo cointestato al mio indimenticabile amico Marcello Jeantet. Siamo stati invitavi all'apertura del nuovo anno scolastico della scuola di "arte e mestieri" e lì, abbiamo portato il saluto delle comunità e degli amici che rappresentiamo. Dei benefattori che ci aiutano a portare qui il vostro e il nostro sostegno. La barca per Chinde, salperà molto probabilmente martedì prossimo, e noi, Claudio e io, su quella barca dobbiamo esserci con gli aiuti alimentari e di igiene personali che stiamo acquistando, solo e sempre grazie a voi amici, che avete voluto essere presenti qui con noi, col vostro apporto concreto. Abbiamo comprato: riso, farine di mais e di grano, zucchero, latte condensato, dentifrici e spazzolini, conserva di pomodoro, fagioli, olio da cucina, saponette per igiene personale, sapone per bucato e un poco di materiale scolastico. Adesso sono dietro a fare un pò di conti per valutare cosa possiamo ancora comprare con quel che ci rimane....vi terrò informati. buona serata a tutti!

16 febbraio
.... mamma mia, sono le 2,30h e io non riesco a prendere sonno. Sta diluviando. A partire da stamattina, dovremo caricare le derrate per Chinde e lascio immaginare a voi se continua a piovere i sacchi di farina, di riso, i fagioli... mannaggia!!! sono agitatissimo... speriamo che smetta di piovere... sono alla finestra a guardare un cielo che non si vede... le stelle che non ci sono... nuvoloni neri gravidi di pioggia. Dio mio fa che cessi la pioggia! Buona notte!

Le sensazioni quasi sempre ci azzeccano! la barca non è rientrata da Chinde causa maltempo. Siamo fermi. Abbiamo tutto pronto, organizzato la logistica... ma siamo fermi! Siamo stati al porto ma nessuno è stato in grado di darci informazioni precise. Aspettiamo, non possiamo fare altro.
Piove, continua a piovere. Io ovviamente sono determinato, le nostre provviste all'orfanotrofio devono arrivare... penso che insistendo questo tempo, la barca nemmeno oggi lascerà il delta del fiume Zambesi. Tocca aspettare! Buona giornata.

17 febbraio
Meno male, la barca è rientrata questo pomeriggio. Ci siamo precipitati subito sulla banchina d'ormeggio e siamo saliti a bordo. Il comandante è stato molto cortese. Ha ascoltato le nostre esigenze comunicandoci che dovrà concordare con l'ufficio competente, la Trans marittima, la data della nuova partenza per Chinde. Dovrebbe essere giovedì o molto più probabilmente venerdì. Ci ha autorizzati a caricare già domani. E noi, se cessa di piovere, domattina proveremo a stivare.... speriamo bene!! vi terrò informati... Intanto "cavolo, quanto piove"!

18 febbraio
La pioggia continua incessante anche oggi. Siamo stati alla barca e la conferma é che partirà venerdì, sempre se le condizioni meteo lo permetteranno. Ci va tanta pazienza e noi ce la mettiamo tutta. Ho cercato dei sacchi di plastica per eventualmente ficcarci dentro quelli di farina ma, non se ne trovano... non voglio rischiare.... aspetto fino a domani sperando nel miglioramento del tempo per caricare in sicurezza. Si tenga conto che qui, quando piove, é un diluvio e perciò andremmo incontro al deterioramento delle farine allorquando si bagnassero.... ciao a TUTTI!

19 febbraio
Ciao a tutti, due notizie oggi. come sempre una buona e una cattiva. Finalmente siamo riusciti a caricare le derrate sulla barca. Tutto abbiamo stivato. Dalla "loja" nel mercato "Brandao" abbiamo caricato le farine, i saponi, il riso, l'olio, il latte, la conserva di pomodoro. Dalla casa dove alloggiamo, la farina per il pane, lo zucchero e i fagioli. Una cassa di detersivo siamo passati a comprarla da un grossista per pagarlo meno... Quando abbiamo terminato la fatica del carico, all'acquisto del biglietto nostro, ci siamo sentito dire che la barca, causa il mare agitato non partirà domani ma in data da definirsi.

Ero molto stanco e non ce l'ho fatta ad arrabbiarmi... Claudio non verrà a Chinde. Perderebbe sicuramente il volo. Deve rientrare il 26 da Quelimane per Maputo e il 28 per l'Italia. Pazienza ci andrò da solo, è gioco forza! Non possiamo fare diversamente...

22 febbraio
Buon giorno. E' mattino molto presto -madrugada- qui in Quelimane. Non riesco a dormire. La mia testa sta "navigando". Claudio non verrà a Chinde, e questo mi rattrista. Ieri mattina nuovo sopraluogo alla barca, la notte precedente ha diluviato e gli armadietti che avevamo lasciato sul ponte avevano preso un poco di pioggia.
Con l' aiuto di due prestatori li abbiamo posto nella stiva. Una faticaccia -la stiva è profonda! Ci siamo intrattenuti davanti a una bibita, con il comandante.

Ci ha confermato la partenza per martedì (terza feira). Al mio arrivederci a martedì mattina, sono rimasto favorevolmente sorpreso: il comandante mi ha invitato a imbarcarmi lunedì sera alle 23h mettendomi a disposizione una cuccetta. Ha addotto che in questa maniera eviterò una levataccia e sopratutto eviterò di circolare per la città in ore pericolose. Purtroppo Quelimane presenta qualche pericolo per li avventori notturni. Ho ovviamente accettato (risultato di buone relazioni personali). Tutto pare andare per il verso giusto. buonanotte!

Il buon giorno si vede dal buon mattino... c'è il sole e già questo è di buon auspicio ma, come non bastasse, un momento fa mi ha telefonato Zozimo Gaspar, l'economo dell'orfanato per confermarmi che come da me sollecitato è già organizzato il trasferimento di tutto dalla barca al magazzino. Purtroppo i lavori iniziati l 'anno scorso per collegare un molo d'attracco alla barca sono fermi... toccherà scaricare a mano su un battellone in centro al fiume Zambesi e così accostare a riva. Ce la faremo, e poi....il Signore è certamente con noi!! FEDE CI VUOLE !!! (e noi, l'abbiamo!!!)

23 febbraio
....accidenti... accidenti.... e ancora accidenti!!!! mi hanno telefonato un minuto fa dalla Trans-marittima l'ufficio preposto alla navigazione, dicendomi che causa maltempo, la barca domani non partirà... non ho tempo per sconfortarmi.... devo assolutamente pazientare. Alla domanda, quando partirà, mi hanno risposto: forse mercoledì... non mi rimane che sperare e aspettare... Io, a Chinde ci devo andare!!!!

25 febbraio
Buon giorno. sembra che questa volta ci siamo. Pare che il tempo stia mettendo giudizio... ieri sera Claudio e io,siamo usciti per una breve passeggiata fino al porto per parlare col comandante della barca. Domani mattina alle 4h dovrebbe prendere il largo. Un solo rammarico: anche Claudio riparte per Maputo domani. Pazienza! cosi domattina alle 3.30h mi accompagnerà all'imbarco, dopodiché ci saluteremo per rivederci nella nostra amata Cogne... Che il Signore assista lui verso la nostra terra e me in questa ennesima mia avventura in Chinde. Un abbraccio.
....arrabbiarsi? non serve... stancarsi? vorrebbe dire rinunciare... non val la pena! devo tener duro... insistere... pazientare. Devo andare a Chinde! Domani la barca non viaggerà, è morto un collega e l'equipaggio deve andare al funerale... avevo comprato il pane per i bambini, lo donerò ad altri bimbi qui a Quelimane... devo andare a Chìnde, non rinuncio nè rinuncerò!!! buona notte!

27 febbraio
...bhe!, mi hanno appena telefonato che domani mattina si parte per Chinde! sarà vero... non sarà vero... e chi lo sa. Domattina alle 4h vedremo. Nel pomeriggio andrò a comprare il pane x i bambini (nei giorni scorsi l'ho comprato e l'ho donato in casa famiglia dove i bambini hanno fame anche loro). Se sarà vero, domani viaggerò per portare a conclusione la mia missione di quest'anno... La notizia che mi sconvolge invece è l'aver appreso che qui in Quelimane ci sono casi di colera... non me lo aspettavo, e per questo sono tranquillo nel sapere Claudio in viaggio per l'Italia. Vi terrò informati compatibilmente con le coperture di rete che troverò lungo il viaggio. Ciao

28 febbraio
Sono appena passate le 2 di notte; sono sveglio. Ripasso nella mia mente quel che devo fare. Che non mi scordi nulla... o quasi. Mi preoccupano sopratutto le condizioni e le modalità di scarico delle derrate, degli armadietti. Purtroppo dobbiamo operare su un battellone al centro di uno dei bracci del delta de grande "Rio"... il fiume Zambesi. Richieste? PREGHIERE! Al resto provo a pensarci io da piccolo uomo...
..ore 03,40, sono sul "Lualua" il barco per Chinde. le operazioni di imbarco: caotiche, confuse, organizzate alla bell'e meglio. Comunque sono qui. Speriamo bene!
Bene... stiamo andando bene... la navigazione procede ottimamente... il mare fino a poco fa era calmo, adesso per ricordare a tutti che esso è "oceano indiano" e non un maretto nostrano, comincia a movimentare il barco che da par suo per adesso regge bene. Vamos!
Il comandante mi sta indicando un gruppo di cime di alberi... è Chinde. Tra poco entreremo nel delta del fiume Zambesi. Alle 13,30h circa il barco calerà gli ormeggi e io sarò finalmente a Chinde.

Sono a Chinde! appena buttato un pò di acqua addosso e sto sdraiato su un letto a riposare un pò...tra poco comincerà la mia visita all'Orfanato...
Chinde è piena di acqua. Ha piovuto tanto nei giorni scorsi. Per entrare nell'orfanato bisogna essere un pò funambolì, passando da un dosso per un sasso e un pezzo di tavola malfermo, si può finire a mollo.

Domani scaricheremo e, so che sarà difficile in queste condizioni, ma certamente tutto andrà a posto. Povera gente... saranno pure abituati ma con qualche riparazione e qualche modifica la situazione migliorerebbe notevolmente... sono solo delle riflessioni mie, e comunque inutili... buona notte, vado ad alimentare le zanzare con il mio sangue....ahahahah!
Mannaggia, è saltata la luce. Sono qui con padre Antonino a conversare mentre cucinano dei "carangheijos" grossi granchi che non ho mai mangiato... ma, siamo al buio. e chissà come li mangeremo. Confido nel fatto che le mani conoscono la strada della bocca... vedremo come finirà. Qui non ci sono ristoranti o pizzerie nostrane per cui: o sta minestra o giù dalla finestra....

29 febbraio
Ciao. Stamattìna sveglia alle 4.30h. L'appuntamento era per le 5h al porto. Le zanzare non mi hanno lasciato in pace per tutta la notte... ma come spesso succede, alle 7,30h le operazioni di scarico non erano ancora iniziate. Ho preferito andare prima a messa, e ho fatto bene. A fine messa le manovre erano appena iniziate. Sono ancora in corso. Ho fatto in tempo a vedere finire in acqua un sacco di riso da 25 kg. Ovviamente mi sono arrabbiato, ma purtroppo la distrazione ci sta... tra poco il battellone, lascerà il sotto bordo prima delle 15h. Vi farò sapere..
Buona notte... stanco... stanco ma soddisfatto e, se non avessimo lasciato quel sacco di riso sui fondali dello Zambesi, la mia soddisfazione sarebbe stata piena. Ma si sa, non tutte le ciambelle.... detto ciò, posso dichiarare con piena soddisfazione "la missione anche quest'anno è compiuta".

L'armazem está cheio (il magazzino è pieno) la quantità che abbiamo donato dovrebbe dare tranquillità di alimentazione sicuramente dai 4 ai 5 mesi (e poi ci penseranno altri! magari persino più capaci). Io da parte mia e sopratutto a nome e per conto dei bambini dell'orfanato voglio ancora una volta ringraziare gli amici che saputo, hanno voluto seguirmi col loro apporto in questa mia ulteriore missione. Voglio ringraziare gli amici che come sempre accade mi diranno: avresti potuto dirmelo; La prossima volta dillo anche a me...ringrazio anche gli amici che pur volendo dare una mano, per molte ragioni, non hanno potuto.

Martedì molto probabilmente lascerò Chinde in quanto, tenendo conto dei rinvii della partenza da Quelimane,si realizzassero anche nel ritorno, rimarrei intrappolato qui per chissà quanto tempo verificandosi le condizioni di perdere l'Aereo per tornare a casa...meglio non rischiare!!! buon riposo a tutti....anche a me

2 marzo
Purtroppo le condizioni di rientro a Quelimane si stanno complicando. I tempi paiono allungarsi... la barca domani non partirà. Motivazione di facciata le condizioni dell'oceano. Trapela la verità: pare che il numero dei passeggeri già prenotati è esiguo... pertanto semplicemente non si parte. Mi sento in un cul-de-sac, imprigionato! Sto accettando un passaggio su un motoscafo che domattina alle 5h, partirà da Chinde diretto a Luabo con a bordo un funzionario scolastico. Da Luabo a Mopeia quindi a Quelimane... temo che bisognerà lottare col fango e il tempo impiegato tantissimo. Stavolta ho un pò paura. Non mi sento molto sicuro nell'azione... staremo a vedere... ci sentiamo...!

3 marzo
Sono le 4,30h ed io, dopo una notte insonne, causa la musica assordante di una loja che vende il beveraggio, sono in piedi. Fuori sento un ulular di vento che non promette nulla di buono, è anche piovuto, mah! Vedremo come andrà a finire. Sto aspettando Zozimo che ha insistito per venirmi a prendere con la moto e portarmi fino alla spiaggia per l'imbarco sul barco veloce "jonson" che nel programma dovrà insieme ad altri 3 compagni di viaggio portarci fino a Luabo... buona giornata a tutti. bom dia para todos.

Abbiamo preso pioggia, tanta pioggia sullo Zambesi. Ha viaggiato velocemente "Jonson", la pioggia sferzante sui nostri volti dal naso raggrinzito dalla preoccupazione di un viaggio pericoloso, le fronti aggrottate madide di pioggia e spruzzi di un barco sobbalzoso, duro.

Guidato con insolita maestria da un giovanotto che nonostante l'età dai 20 ai 25 anni, ha dimostrato di essere padrone dei meandri fluviali. Con incredibile esperienza ha indirizzato il natante per canali infiniti, curve di ritorni che se non conosci ti perdi. Adesso siamo qui a Luabo, prima tappa del nostro andare verso Quelimane, passando prima x Mopeia. Il problema è il tempo. Sta piovendo forte e, inattesa che venga a prenderci il carro, abbiamo trovato riparo sotto una tettoia. A domani...

5 marzo
Non è venuto a prenderci il carro, la troppa pioggia lo ha bloccato per strada. L'energia è interrotta e il mio cellulare spento perché esaurito... La vecchia casa dei Missionari ci ha accolti in tre, Valter, Filippo e io. Il nostro ospite, padre Jaime ci ha intrattenuti con una ottima cena...fuori tutto allagato... la notte è passata serena in un comodissimo letto.

Ieri mattina tornati al fiume, abbiamo atteso le 11h quando è venuto a prenderci lo stesso barco veloce e ci ha portati a Marromeu in un posto chiamato Namirimbina e da lì col carro, per una strada piena di acqua con la trazione 4x4 inserita siamo arrivati a Mopeia. Una veloce colazione con pane e uovo, una fanta e via verso Quelimane. Ed eccomi qui, lavato e rinfrescato da una lunga doccia fresca, nel mio letto al sicuro riposo. ciao a tutti!

Epifanio Coppi
Share



Powered by Joomla!®. Designed by: ThemZa hottest actors Valid XHTML and CSS.