Company Logo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo


ACCESSO UTENTI

LITURGIA di OGGI

Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

STORIA E RICORDI

ESTRAZIONE LOTTERIA SAN LORENZO 2016

PREMI LOTTERIA CON BIGLIETTI vincitori DEFINITIVI

Papa Francesco ai frati Francescani

PAPA FRANCESCO AI FRATI FRANCESCANI

"Minorità" e "fraternità" sono "elementi essenziali" della vostra identità, ha detto il Papa ai Frati Minori.
"Minorità significa anche uscire da sé stessi, dai propri schemi e vedute personali; significa andare oltre le strutture – che pure sono utili se usate saggiamente – oltre le abitudini e le sicurezze, per testimoniare concreta vicinanza ai poveri, ai bisognosi, agli emarginati, in un autentico atteggiamento di condivisione e di servizio".


Fraternità, per essere testimoni credibili del Vangelo, così come nella Chiesa delle origini, seppero mostrarsi i cristiani, “uniti nell’amore”, “disponibili nel dono e nel perdono vicendevole”, “solidali nella misericordia, nella benevolenza, nell’aiuto reciproco, unanimi nel condividere le gioie, le sofferenze e le esperienze della vita”:

“La vostra famiglia religiosa è chiamata ad esprimere questa fraternità concreta, mediante un recupero di fiducia reciproca – e sottolineo questo: fiducia reciproca – nelle relazioni interpersonali, affinché il mondo veda e creda, riconoscendo che l’amore di Cristo guarisce le ferite e rende una cosa sola”.

“In questa prospettiva – ha raccomandato Francesco - è importante che venga recuperata la coscienza di essere portatori di misericordia, di riconciliazione e di pace”: “Realizzerete con frutto questa vocazione e missione se sarete sempre più una congregazione ‘in uscita’".


Ha ricordato poi il Papa che San Francesco ammoniva ed esortava ai suoi frati di andare per il mondo, senza litigare e giudicare gli altri. Esortazioni di “grande attualità anche per il nostro mondo di oggi”:



“Quanto è importante vivere un’esistenza cristiana e religiosa senza perdersi in dispute e chiacchiere, coltivando un dialogo sereno con tutti, con mitezza, mansuetudine e umiltà, con mezzi poveri, annunciando la pace e vivendo sobriamente, contenti di quanto ci è offerto”.


“Ciò richiede – ha sottolineato il Papa – un impegno deciso nella trasparenza, nell’uso etico e solidale dei beni, in uno stile di sobrietà e di spogliazione”:

“O siete voi liberamente poveri e minori, o finirete spogliati”.


Quindi, il richiamo a confidare nello Spirito Santo per affrontare le sfide più urgenti: “Il calo numerico, l’invecchiamento e la diminuzione delle nuove vocazioni”. Infine, un incoraggiamento:

“Voi avete ereditato un’autorevolezza nel popolo di Dio con la minorità, con la fratellanza, con la mitezza, con l’umiltà, con la povertà. Per favore, conservatela! Non perdetela! Il popolo vi vuole bene, vi ama”.

You need to upgrade your Flash Player

Joomla Slideshow









COSTRUZIONE DELLA CHIESA




 

Ultimo Saluto a Padre Damiano Comes

Oggi l'ultimo saluto a Padre Damiano Comes

di radiocittadella

17 ottobre 2012  Comes funerali San Lorenzo da Brindisi

di LUCA FUSCO

Oggi alle 15.30 l'ultimo saluto della sua parrocchia, dei suoi fedeli, dei suoi amici frati cappuccini. Padre Damiano Comes ha lasciato un vuoto importante nella Chiesa di San Lorenzo da Brindisi e in tutti quei cuori che in questi anni di apostolato l'hanno seguito, ne hanno conosciuto lo spirito fermo e bonario a tempo stesso. Un male incurabile se l'è portato via lunedì mattina, lo stesso male che lo ha tenuto lontano dalla sua gente, dai suoi parrocchiani negli ultimi mesi della sua vita. Ricoverato nell'ospedale "Miulli" di Acquaviva delle Fonti, le sue condizioni di salute sono peggiorate questa estate, proprio a ridosso dei festeggiamenti in onore di San Lorenzo da Brindisi, una delle cose a cui Fra Damiano teneva di più. L'intervento, ultimo tentativo di rinviare ogni triste epilogo, non riuscì ad arrestare la malattia. Da allora padre Damiano non è più tornato a Taranto, trascorrendo la convalescenza nel suo paese natale, Castellaneta, fino all'ultima degenza nell'ospedale di Acquaviva, dove la morte lo ha colto.

Una delle figure più note nell'ambito ecclesiale tarantino. Uomo di grande spiritualità, fortissima fede e grande amore per la Madonna.

Padre Damiano era nato a Castellaneta il 14 agosto del 1939. Fu ordinato a Bari il 26 marzo del 1966 dall'allora Arcivescovo Mons. Nicodemo. Brindisi, in un certo senso nel suo destino. Dapprima nel convento di San Pasquale a Francavilla Fontana, dove rimase per 15 anni occupandosi di giovani e del Terz'Ordine. Fu quindi destinato alla parrocchia dell'Ave Maris Stella, al Casale, popolarissimo quartiere di Brindisi, in cui fu parroco per 21 anni. Qui riuscì a realizzare una biblioteca con oltre diecimila volumi. Quindi nel 2003 divenne parroco della Chiesa di San Lorenzo da Brindisi, a Taranto. Con lui, un altro frate, padre Virgilio Forcillo che divenne suo vicario. Inseparabili i due. Ristrutturazione della chiesa e dei campetti dell'oratorio, un nuovo salone parrocchiale (che sarà a lui intitolato). Queste solo alcune delle opere sotto il suo parrocato di cui resterà però la sua disponibilità, verso tutti, parrocchiani e non.

I funerali saranno celebrati dal provinciale dell'ordine francescano, padre Piergiorgio Taneburgo; prevista la presenza di tutti i parroci precedenti e dei cappuccini della regione. Domani poi la salma sarà traslata al Cimitero di Castellaneta dove, alle ore 9, verrà officiata una messa di suffragio.

Sul sito ufficiale della Chiesa di San Lorenzo, nella pagina a lui dedicata, campeggia una frase: "Nella semplicità del mio cuore, tutto ti ho donato, o Signore, gioiosamente". Padre Damiano era tutto questo.fra-damiano-comes3

TAVOLE DI FAMIGLIE S. LORENZO 1958 - 2012

TAVOLE DI FAMIGLIA della FRATERNITA’ di S. LORENZO da BRINDISI in TARANTO
(1958 - 2012)

 1 marzo 1958

P Ambrogio da Giovinazzo: parroco;
Fr. Fedele da Barbarano: fratello laico.

Tavola di Famiglia costituita dopo il XIV Capitolo provinciale del 27 luglio - 5 agosto 1958

P. Agatangelo da Triggiano: presidente, parroco ed economo;
Fr. Giocondo da Bari: fratello laico.

Tavola di Famiglia costituita dopo il XV Capitolo provinciale del 18 luglio 1961

P. Agatangelo da Triggiano; parroco ed economo;
P. Antonio da Stigliano: vice parroco, discreto, confessore dei Fratini di Francavilla Fontana (BR);
Fr. Giocondo da Bari: fratello laico.

Tavola di famiglia costituita dopo il XVI Capitolo provinciale del 17 luglio 1964

P. Geremia da Francavilla Fontana: presidente e parroco;
P. Antonino da S. Michele Salentino: vice parroco e discreto;
Fr. Bonaventura da Terlizzi: fratello laico.

Tavola di famiglia costituita dopo il XVII Capitolo provinciale del 21 luglio 1967

P. Serafino da Rutigliano: presidente, parroco ed economo;
P. Guido da Alessano: vice parroco;
P. Vito da Triggiano: discreto e promotore di vocazioni.

Tavola di famiglia costituita dopo il XVIII Capitolo provinciale del 26 luglio - 12 agosto 1970

P. Emanuele Spinazzola: superiore, economo e vice parroco;
P. Agatangelo Bisceglie: vicario;
P. Serafino Sorino: parroco.

Tavola di famiglia costituita dopo il XIX Capitolo provinciale del 20 giugno - 4 luglio 1973

P. Severino Ciannella: superiore e parroco;
P. Vincenzo Capuano: vicario e vice parroco;
P. Gentile Lacalamita, vice parroco ed economo;
P. Eusebio Stefanizzi: studente al Collegio Internazionale S. Lorenzo da Brindisi;
Fr. Dionigi Danese: sacrista e cuciniere.

Tavola di famiglia costituita dopo il XX Capitolo provinciale del 20 - 24 aprile 1976

P. Gabriele Simone: superiore e parroco;
P. Ludovico Ierardi: vicario e vice parroco;
P. Bonaventura Mossuto: economo;
P. Vincenzo Capuano;
Fr. Massimiliano Carucci.

Nota: con lettera circolare n. 2/2 del 30 giugno 1976, P. Lorenzo Invidia, Ministro Provinciale, apportò le seguenti modifiche alla famiglia:

P. Bonaventura Mossuto: vice parroco;
P. Severino Ciannella: superiore e parroco.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXI Capitolo provinciale del 18 - 23 giugno 1979

P. Andrea Caroli: superiore, vice parroco ed economo;
P. Bonaventura Mossuto: vicario e parroco;
P. Corrado Mappa: vice parroco;
P. Vincenzo Capuano.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXII Capitolo provinciale del 14 - 17 luglio 1982

P. Andrea Caroli: guardiano, vice parroco ed economo;
P. Bonaventura Mossuto: vicario e parroco;
P. Corrado Mappa: vice parroco;
P. Vincenzo Capuano.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXIII Capitolo provinciale del 1 - 5 luglio / 3 - 4 settembre 1985

P. Andrea Caroli: economo;
P. Bonaventura Mossuto: guardiano e parroco;
P. Corrado Mappa: vicario e vice parroco;
P. Vincenzo Capuano.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXIV Capitolo provinciale del 29 agosto - 1 settembre 1988

P. Andrea Caroli: guardiano ed economo;
P. Severino Ciannella: parroco;
P. Corrado Mappa: vicario e vice parroco;
P. Saverio Ligorio: assistente Gi. Fra.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXV Capitolo provinciale del 22 - 25 luglio 1991

P. Severino Ciannella: guardiano e parroco;
P. Cataldo Giordano: vice parroco;
P. Corrado Mappa: vicario, economo e collaboratore parrocchiale;
P. Vincenzo Capuano: assistente spirituale presso l’ospedale civile SS. Annunziata;
Fr. Silvestro Tupputi: sacrista e addetto al ministero fraterno.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXVI Capitolo provinciale del 10 - 12 febbraio 1994

P. Severino Ciannella: guardiano e parroco;
P. Corrado Mappa: vicario, economo e vice parroco;
P. Cataldo Giordano: collaboratore parrocchiale ed assistente spirituale presso l’ospedale civile
    SS. Annunziata;
P. Vincenzo Capuano;
Fr. Silvestro Tupputi: ministero fraterno.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXVII Capitolo provinciale del 2 - 7 giugno 1997

P. Corrado Mappa: guardiano, vice parroco ed economo;
P. Severino Ciannella: vicario e parroco;
P. Cataldo Giordano: collaboratore parrocchiale ed assistente spirituale presso l’ospedale civile
    SS. Annunziata;
P. Vincenzo Capuano: confessore;
Fr. Silvestro Tupputi: ministero fraterno.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXVIII Capitolo provinciale del 28 agosto - 1 settembre 2000

P. Francesco Monticchio: guardiano e parroco;
P. Cataldo giordano: vicario e vice parroco;
P. Corrado Mappa: economo;
P. Domenico Mirizzi: studente STIP e collaboratore parrocchiale.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXIX Capitolo provinciale del 8 - 10 luglio / 13 - 15 novembre 2003

P. Virgilio Forcillo: guardiano;
P. Damiano Comes: parroco;
P. Cataldo Giordano: collaboratore parrocchiale;
P. Corrado Mappa: vice parroco.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXX Capitolo provinciale del 18 - 21 aprile / 3 - 5 luglio 2006

P. Francesco Milillo: guardiano e vice parroco;
P. Damiano Comes: vicario e parroco;
P. Virgilio Forcillo: economo e viceparroco;
P. Cataldo Giordano: collaboratore parrocchiale;
P. Corrado Mappa: residente infermeria di S. Giovanni Rotondo.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXXI Capitolo provinciale del 4 - 8 maggio 2009

P. Virgilio Forcillo: guardiano, economo e vice parroco;
P. Damiano Comes: parroco;
P. Francesco Milillo: vicario;
P. Gianpaolo Lacerenza: vice parroco, studente presso l’Accademia Alfonso - Roma.
P. Corrado Mappa: residente presso Casa alloggio S. Paolo - Martina Franca (TA).

Tavola di famiglia costituita dopo il XXXII Capitolo provinciale del 30 aprile - 4 maggio 2012

  • P. Virgilio D. Forcillo: Guardiano,  e vice parroco;
  • P. Damiano Comes: Parroco;
  • P. Severino Ciannella, Vicario ed Economo;
  • P. Saverio C. Ligorio, Collaboratore parrocchiale;
  • P. Corrado A. Mappa: Cappellano Casa di Riposo “S. Paolo” Martina Franca

Appendice Tavola di famiglia 01 settembre 2012

  • p. Virgilio D. Forcillo: Guardiano e Vice Parroco;
  • p. Severino Ciannella: Amministratore Parrocchiale;
  • p. Saverio C. Ligorio: Collaboratore parrocchiale;
  • p. Corrado A. Mappa: Cappellano Casa di Riposo “S. Paolo” Martina Franca

 

 

 

 

 

 

FRATERNITA' S. LORENZO 1958 - 2009




TAVOLE DI FAMIGLIA della FRATERNITA’ di
S. LORENZO da BRINDISI in TARANTO
(1958 - 2009)




1 marzo 1958

P. Ambrogio da Giovinazzo: parroco;
Fr. Fedele da Barbarano: fratello laico.

Tavola di Famiglia costituita dopo il XIV Capitolo provinciale del 27 luglio - 5 agosto 1958

P. Agatangelo da Triggiano: presidente, parroco ed economo;
Fr. Giocondo da Bari: fratello laico.

Tavola di Famiglia costituita dopo il XV Capitolo provinciale del 18 luglio 1961

P. Agatangelo da Triggiano; parroco ed economo;
P. Antonio da Stigliano: vice parroco, discreto, confessore dei Fratini di Francavilla Fontana (BR);
Fr. Giocondo da Bari: fratello laico.

Tavola di famiglia costituita dopo il XVI Capitolo provinciale del 17 luglio 1964

P. Geremia da Francavilla Fontana: presidente e parroco;
P. Antonino da S. Michele Salentino: vice parroco e discreto;
Fr. Bonaventura da Terlizzi: fratello laico.

Tavola di famiglia costituita dopo il XVII Capitolo provinciale del 21 luglio 1967

P. Serafino da Rutigliano: presidente, parroco ed economo;
P. Guido da Alessano: vice parroco;
P. Vito da Triggiano: discreto e promotore di vocazioni.

Tavola di famiglia costituita dopo il XVIII Capitolo provinciale del 26 luglio - 12 agosto 1970

P. Emanuele Spinazzola: superiore, economo e vice parroco;
P. Agatangelo Bisceglie: vicario;
P. Serafino Sorino: parroco.

Tavola di famiglia costituita dopo il XIX Capitolo provinciale del 20 giugno - 4 luglio 1973

P. Severino Ciannella: superiore e parroco;
P. Vincenzo Capuano: vicario e vice parroco;
P. Gentile Lacalamita, vice parroco ed economo;
P. Eusebio Stefanizzi: studente al Collegio Internazionale S. Lorenzo da Brindisi;
Fr. Dionigi Danese: sacrista e cuciniere.

Tavola di famiglia costituita dopo il XX Capitolo provinciale del 20-24 aprile 1976

P. Gabriele Simone: superiore e parroco;
P. Ludovico Ierardi: vicario e vice parroco;
P. Bonaventura Mossuto: economo;
P. Vincenzo Capuano;
Fr. Massimiliano Carucci.

Nota:

Con lettera circolare n. 2/2 del 30 giugno 1976,
P. Lorenzo Invidia, Ministro Provinciale, apportò le seguenti modifiche alla famiglia:

P. Bonaventura Mossuto: vice parroco;
P. Severino Ciannella: superiore e parroco.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXI Capitolo provinciale del 18- 3 giugno 1979

P. Andrea Caroli: superiore, vice parroco ed economo;
P. Bonaventura Mossuto: vicario e parroco;
P. Corrado Mappa: vice parroco;
P. Vincenzo Capuano.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXII Capitolo provinciale del 14-17 luglio 1982

P. Andrea Caroli: guardiano, vice parroco ed economo;
P. Bonaventura Mossuto: vicario e parroco;
P. Corrado Mappa: vice parroco;
P. Vincenzo Capuano.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXIII Capitolo provinciale del 1-5 luglio/3-4 settembre 1985

P. Andrea Caroli: economo;
P. Bonaventura Mossuto: guardiano e parroco;
P. Corrado Mappa: vicario e vice parroco;
P. Vincenzo Capuano.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXIV Capitolo provinciale del 29 agosto - 1 settembre 1988

P. Andrea Caroli: guardiano ed economo;
P. Severino Ciannella: parroco;
P. Corrado Mappa: vicario e vice parroco;
P. Saverio Ligorio: assistente Gi. Fra. 

Tavola di famiglia costituita dopo il XXV Capitolo provinciale del 22-25 luglio 1991

P. Severino Ciannella: guardiano e parroco;
P. Cataldo Giordano: vice parroco;
P. Corrado Mappa: vicario, economo e collaboratore parrocchiale;
P. Vincenzo Capuano: assistente spirituale presso l’ospedale civile SS. Annunziata;
Fr. Silvestro Tupputi: sacrista e addetto al ministero fraterno.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXVI Capitolo provinciale del 10-12 febbraio 1994

P. Severino Ciannella: guardiano e parroco;
P. Corrado Mappa: vicario, economo e vice parroco;
P. Cataldo Giordano: collaboratore parrocchiale ed assistente spirituale
                                      presso l’ospedale civile SS. Annunziata;
P. Vincenzo Capuano;
Fr. Silvestro Tupputi: ministero fraterno.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXVII Capitolo provinciale del 2-7 giugno 1997

P. Corrado Mappa: guardiano, vice parroco ed economo;
P. Severino Ciannella: vicario e parroco;
P. Cataldo Giordano: collaboratore parrocchiale ed assistente spirituale
                                      presso l’ospedale civile SS. Annunziata.
P. Vincenzo Capuano: confessore;
Fr. Silvestro Tupputi: ministero fraterno.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXVIII Capitolo provinciale del 28 agosto - 1 settembre 2000

P. Francesco Monticchio: guardiano e parroco;
P. Cataldo Giordano: vicario e vice parroco;
P. Corrado Mappa: economo;
P. Domenico Mirizzi: studente STIP e collaboratore parrocchiale.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXIX Capitolo provinciale del 8-10 luglio/13-15 novembre 2003

P. Virgilio Forcillo: guardiano;
P. Damiano Comes: parroco;
P. Cataldo Giordano: collaboratore parrocchiale;
P. Corrado Mappa: vice parroco.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXX Capitolo provinciale del 18-21 aprile/3-5 luglio 2006

P. Francesco Milillo: guardiano e vice parroco;
P. Damiano Comes: vicario e parroco;
P. Virgilio Forcillo: economo e viceparroco;
P. Cataldo Giordano: collaboratore parrocchiale;
P. Corrado Mappa: residente infermeria di S. Giovanni Rotondo.

Tavola di famiglia costituita dopo il XXXI Capitolo provinciale del 4 - 8 maggio 2009

P. Virgilio Forcillo: guardiano e economo;
P. Damiano Comes: parroco;
P. Francesco Milillo: vicario;
P. Gianpaolo Lacerenza: vice parroco, studente presso l’Accademia Alfonso - Roma.
P. Corrado Mappa: residente presso Casa alloggio S. Paolo - Martina Franca (TA).

STORIA DELLA NOSTRA PARROCCHIA

STORIA DELLA NOSTRA PARROCCHIA

1.3.1958
Con bolla dell'allora Amministratore Apostolico, Mons. Guglielmo Motolese, viene eretta la nuova Parrocchia di S. Lorenzo da Brindisi, con "territorio compreso tra il Viale Venezia (parte destra) dal nuovo Arsenale fino all'incrocio con Via Dante; dall'incrocio con Via Dante con una linea immaginaria diretta sino ai confini di S. Giorgio Jonico e dall'altra parte con i confini della Parrocchia di Talsano"; la Parrocchia viene affidata pleno iure alla Provincia religiosa dei Padri Minori Cappuccini di Puglia. Con altra bolla in pari data l'amministrazione della Parrocchia viene affidata provvisoriamente a Padre Ambrogio, da Giovinazzo.

12.8.1958
In sostituzione di Padre Ambrogio viene nominato amministratore Padre Agatangelo Bisceglie, da Triggiano.

16.7.1959
Viene sottoscritta la Convenzione per l'affidamento della Parrocchia tra S.E. Mons. Motolese ed il Padre Provinciale dei Cappuccini di Puglia, Padre Arcangelo da Barletta.

1.9.1959
P. Agatangelo viene nominato Parroco di San Lorenzo da Brindisi ed il successivo 8 dicembre prende possesso canonico della Parrocchia.

12.1.1960
Viene emanato il decreto del Presidente della Repubblica con cui la nuova Parrocchia viene riconosciuta a tutti gli effetti civil.

1.9.1962

Viene nominato Parroco P. Egidio Indellicato, da Triggiano, che prende possesso canonico alla fine di novembre.

1963
La famiglia Tria-Schiavone dona alla Parrocchia la statua del SS. Crocifisso, opera del cartapestaio leccese, Cav. Pietro Indino, attualmente collocata sulla parete a destra entrando nella chiesa.

8.9.1964
Viene nominato Parroco P. Geremia Massari, da Francavilla Fontana, che prende possesso canonico il successivo 22 dicembre.

1.9.1967
Viene nominato Parroco P. Serafino Sorino, da Rutigliano, che prende possesso il successivo 5 novembre.

30.3/7.4.1968
Ad iniziativa del Parroco P. Serafino Sorino, nella ricorrenza dell'Anno della Fede, indetto da S.S. Papa Paolo VI per celebrare il 19° centenario del martirio dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, viene celebrata in Parrocchia la "Settimana della Fede", nel corso della quale celebra la sua prima messa solenne il novello sacerdote cappuccino P. Corrado Mappa; nel corso della settimana intervengono Mons. Nicola Di Comite, P. Salvatore Discepolo sj, don Franco Ratti, D. Franco Castellana, nonché i laici prof. Domenico Amalfitano, avv. Gregorio Pasanisi, prof. Maria Rambelli, prof. Luigi Lorusso. La settimana viene conclusa con l'intervento dell'Arcivescovo S.E. Mons. Guglielmo Motolese, il quale non lascia passare molto tempo prima di riproporre l'iniziativa a tutta la Chiesa diocesana.

1.9.1972
Viene nominato Parroco P. Severino Ciannella, da Montescaglioso.

24.3.1978
Nel giorno di venerdì santo per la prima volta la statua del SS. Crocifisso viene portata in processione per le vie del quartiere.

6.4.1979
Ha inizio la tradizione di svolgere la Via Crucis con la processione del SS. Crocifisso per le vie della Parrocchia nel giorno del venerdì di passione che precede la domenica delle palme.

1.9.1979
Viene nominato Parroco P. Bonaventura Mossuto, da Montescaglioso, che prende possesso il successivo 1 ottobre.

4.3.1989
Viene dedicata da S.E., Mons. Salvatore De Giorgi, Arcivescovo di Taranto, la nuova Chiesa Parrocchiale, edificata su progetto dell'arch. Filiberto Lembo, mentre la sistemazione interna dell'aula è stata effettuata su progetto dell'arch. Mattia del Prete.

Estate 1989
Viene realizzato l'affresco dell'abside, opera dell'arch. Maurizia Leds, della I Comunità Neocatecumenale S. Carlo Borromeo di Milano

1.9.1989
Per la seconda volta viene nominato Parroco P. Severino Ciannella, da Montescaglioso, il quale prende possesso il successivo 4 ottobre.

Estate 1995
L'arch. Maurizia Leds realizza l'icona raffigurante i Misteri del Rosario, collocata sulla parete a sinistra entrando in chiesa.

11/18.1.1998
E' presente in Parrocchia la Venerata Immagine della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei, con grande concorso di popolo.

13.2.1999
All'età di 86 anni decede P. Vincenzo Capuano da Francavilla Fontana, già cappellano ospedaliero, confessore stimato e ricercato, per molti anni presente nella fraternità dei Cappuccini di S. Lorenzo da Brindisi, amatissimo da tutti i parrocchiani.

7.10.2000
Arrivo in Parrocchia di P. Francesco Monticchio, da Campi Salentina, nominato Parroco il successivo 10 ottobre e che prende possesso il 19 ottobre.

10.07.2003
In questo mese di luglio viene nominato Parroco P. Damiano Comes.


28.06.2006
All’età di 76 anni ritorna alla casa del Padre, Padre Cataldo Giordano. Ordinato il 4 ottobre 1975. Coadiutore nella parrocchia San Lorenzo da Brindisi, cappellano dell’ospedale SS. Annunziata di Taranto. Amato da tutti i parrocchiani, “in special modo dai gruppi del Cammino Neocatecumenale”, per la sua bontà, affabilità e disponibilità.
































Powered by Joomla!®. Designed by: ThemZa hottest actors Valid XHTML and CSS.